Le finaliste di .itCup 2015: Mindesk | ITCup
.itCup Registro è la startup competition riservata alle startup del settore ICT

Le finaliste di .itCup 2015: Mindesk

Le finaliste di .itCup 2015: Mindesk

di Antonio Pirozzi

Come nasce l’idea di Mindesk?

Per più di sette anni mi sono dedicato, tra vita universitaria e professionale, alla modellazione 3D di edifici e parti meccaniche. Inoltre, sono appassionato di videogiochi e di realtà virtuale sin da quando, nel lontano ’95, Nintendo rilasciava l’avveniristico (e sfortunatissimo) Virtual Boy.
Vi sembrano informazioni sconnesse? Lo erano, almeno finché non ho pensato di unire realtà virtuale e disegno CAD, complice anche il ritorno della realtà virtuale sulla ribalta tecnologica con Oculus Rift. Mi sono sempre chiesto: “perché un architetto,un ingegnere o un designer dovrebbe disegnare su un foglio bidimensionale il progetto di un oggetto tridimensionale?” Mi sembra incredibilmente limitante. E’ necessario rompere la barriera della terza dimensione.
Che sia chiaro, Mindesk non è di certo la prima soluzione per il disegno 3D: noi vogliamo proporre un’esperienza di disegno in realtà virtuale completamente diversa da quelle viste fin’ora, ispirandoci ai valori della semplicità d’uso, libertà creativa ed accessibilità.

Mindesk è un programma più semplice degli attuali CAD in commercio. In cosa si differenzia?

Mindesk non vuole sostituirsi agli attuali CAD in commercio, anzi! Riteniamo che ogni professionista abbia il proprio CAD preferito che non cambierebbe per nulla al mondo, più o meno come la propria macchina o moto. Al contrario, Mindesk è un potenziamento dei software CAD e permette di usarli nella realtà virtuale. Mindesk rende più veloce e naturale un processo, la modellazione 3D adesso assai complesso e dispersivo. La possibilità di collaborare online sullo stesso modello, tra tutte, ci sembra la funzionalità che più gioverà alle PMI nel settore creativo ed ingegneristico.

 

HEADER1-e1439235917845

Molti italiani vanno in Silicon Valley per investire sul proprio progetto innovativo. Secondo te in Italia cosa non funziona? Dove si blocca il meccanismo della filiera?

Di tutte le qualità, ammiro molto il senso critico nelle persone. Tuttavia, come startupper ritengo bisogna soffermarsi meno su cosa non funzioni ed iniziare a mettere a frutto tutto ciò che funziona. Per esempio, nel nostro piccolo, cerchiamo ogni giorno di scoprire nuovi talenti e coinvolgerli nel progetto Mindesk. Per la nostra strada abbiamo già trovato parecchi esperti, anche di rilievo internazionale, e non siamo dovuti andare chissà dove: la maggior parte dei componenti del team di Mindesk è infatti pugliese! In loro abbiamo trovato non solo le conoscenze e la cultura necessari per innovare, ma anche un’ardente passione per questa avventura.

Come mai hai deciso di parteicpare a itCup?

Le competizioni imprenditoriali sono occasioni per mettersi alla prova e confrontarsi con propri pari. Si impara, si espande il proprio network ed ultimo ma non meno importante, si possono vincere dei premi. .itCup in particolare ci ha attratto per la folta schiera di partner di rilievo che hanno supportato l’iniziativa, non potevamo perdercela!

string(0) ""